Counseling coppie Brindisi | Counseling per relazioni di coppie

Consulente matrimoniali per coppie a Brindisi

Nome: Consulente per coppie in crisi a Brindisi

Contatto; Consulente per coppie in crisi a Brindisi 3791169597

RICHIEDI ORA UN PREVENTIVO GRATUITO

Città': 

Brindisi - Visualizza la mappa

Zona: 

Brindisi

Fax: 

Counseling coppie Brindisi - Incontri meditazione

Counseling per relazioni di coppie

Tutto il percorso (circa 12/15 incontri)viene svolto secondo il ciclo di contatto gestaltico quindi ha carattere prevalentemente esperienziale e porta la coppia ad una crescita sul piano psicologico ed ad un potenziamento della consapevolezza di sé. Per il potenziamento del dialogo e il miglioramento dell'intimità ,ossia della presenza empatica di uno all'altro , in direzione della valorizzazione del partner, si lavora per apprendere nuove modalità di comunicazione assertiva , per acquisire anche capacità di negoziazione , ossia si applica il "metodo senza perdenti" di Gordon, laddove possano presentarsi conflitti e, in tale approccio , ciascun partner può imparare a mediare e cercare di avvicinarsi all'altro ,attraverso la scelta di un dialogo aperto ed efficace per l'uno e per l'altro.

consulenza matrimoniale Brindisi - Informazioni - Appuntamenti

Cerchi un consulente per il tuo matrimonio in crisi?

Consulente matrimoniale per coppie in crisi che vogliono ritrovare l'equilibrio e ricostruire una relazione valida.
I migliori consulenti di Brindisi ti offrono .. Consulente matrimoniale per coppie in crisi che vogliono ritrovare l'equilibrio e ricostruire una relazione valida.
- Mediazione familiare per coppie in conflitto che hanno deciso di separarsi o che hanno chiesto il divorzio;
- Lavoro di Mindfulness e meditazione per vincere lo stress e ritrovare la calma;
- Counseling individuale per disagio esistenziale dovuto a relazioni interpersonali difficili, a difficoltà di gestire le emozioni, a scelte decisionali importanti. Gli obiettivi della consulenza di coppia sono di favorire dialoghi in cui i due partners possano esprimere le loro emozioni e il loro bisogno di attaccamento, possano evidenziare il reciproco bisogno di riconoscimento emotivo: focalizzarsi sulla presenza emotiva di ognuno; comprendere la realtà emotiva sottesa ai conflitti; cogliere i sentimenti feriti dietro tanta rabbia e aggressività; creare situazioni di contatto che possano essere antidoto ai cicli negativi e all'insicurezza; rinforzare l'intimità, l'impegno e la passione; valorizzare il bisogno di appartenenza e il desiderio di esplorazione; promuovere circuiti relazionali positivi autorinforzanti e consolidare nuovi modi di essere caratterizzati da responsabilità e disponibilità; creare momenti di interazione significativi di pieno coinvolgimento emotivo. Intraprendere un percorso esperienziale di tale genere ha una potenzialità elevata che conduce al potenziamento di un clima di serenità e di pieno coinvolgimento poiché concorre alla realizzazione del NOI, poiché l'amore ha tre protagonisti: l'io, il tu e il NOI, ossia la relazione.

consulente coppie Brindisi - Ricostruisci l'amore

Consulenti a Brindisi per relazioni matrimoniali in crisi

Il mediatore che sostiene il confronto su alcuni aspetti dell’area coniugale, aiuta la coppia ad operare quei riconoscimenti, ad esprimere quelle emozioni che permettono di liberare energie più autenticamente in grado di formulare un accordo, che sia il risultato più di un reciproco riconoscimento che di un compromesso e che, quindi, permetta alle parti di riprendersi una rinnovata capacità di esprimere la loro creatività e progettualità. La capacità negoziale esprime, infatti, la sua qualità significativa quando riesce a rispondere ai bisogni emotivi e alle esigenze complessive attuali, ma anche a rappresentarsi e, quindi, rispondere alle esigenze future personali e dei figli. In questo senso, infatti, è importante non lasciarsi prendere dalla necessità di realizzare l’obiettivo pragmatico dell’accordo in modo da 3 mantenersi appunto su un piano di eccessiva formalità o pragmaticità proprio per dare ai contenuti dell’accordo stesso, l’essenza e la qualità di un confronto sulle linee di educazione dei figli sulle idee in ordine ai bisogni, in uno scambio che dia un senso partecipato a regole che altrimenti risultano formali e standardizzate e quindi di difficile realizzazione. In sostanza attraverso il processo negoziale, non si arriva soltanto alla formulazione di un accordo, ma alla rinegoziazione della nuova possibile espressione comune, attraverso la quale gli ex partner modificano e definiscono la dimensione del “noi” che sopravvive alla separazione attraverso la contemporanea definizione delle due individualità. Rispondendo alle esigenze organizzative e di stabilità dei figli, si stabilisce cioè un calendario preciso dei periodi o dei giorni in cui i figli che vivono con un genitore, debbano permanere presso l’altro genitore, ovvero quale genitore si fa carico di alcuni aspetti della gestione ordinaria e straordinaria della vita dei figli (chi si occupa della scuola, chi degli sport, ecc.). La peculiarità del modello ASPIC, che io applico nella Mediazione Familiare, consiste nell’avere un approccio pluralistico integrato, applicando metodiche e tecniche di diverso orientamento teorico, inoltre riunisce nella figura del mediatore anche le competenze e le abilità del Counseling umanistico esistenziale. L’integrazione riguarda non soltanto le teorie delle varie scuole, applicabili alla mediazione familiare, ma anche quei contenuti degli altri modelli ritenuti efficaci. In secondo luogo si muove nell’ottica di lavorare sul processo del conflitto più che sui contenuti del contendere. ll carattere distintivo del modello e il tipo di formazione del mediatore, che oltre alla conoscenza delle tecniche relazionali, si estende anche alla conoscenza del diritto di famiglia e di tutela dei minori. Inoltre, è obbligatoria la supervisione ed è prevista la formazione permanente. - La crisi non è intesa in senso patologico, ma secondo il significato etimologico della parola “crino” che vuol dire “scelta”; - Le coppie si scelgono collusivamente; - Le coppie in crisi presentano modelli di interazione disfunzionali; - Ogni coppia presenta un tema relazionale conflittuale centrale ; - La rabbia sottende sempre un dolore; - Quanto è più forte la rabbia che emerge tanto più forte è il dolore sottostante; - Non c’è un numero precostituito di sedute; - Si affrontano le problematiche così come le presenta la coppia; - Si trae vantaggio solo da accordi presi con intima convinzione, piuttosto che da una cooperazione solo formale.

coppie in crisi Brindisi - Salva il matrimonio

La tua coppia vive un momento difficile?

La tua coppia vive un momento difficile? La funzione del mediatore in questa fase, che nell’applicazione alla mediazione familiare del ciclo di contatto della gestalt, appartiene a quella del contatto pieno, è di guida al perseguimento degli accordi, di garanzia sulla correttezza del percorso di mediazione, ma anche di partecipazione attiva alla negoziazione. Il mediatore favorisce il clima interattivo tra le parti per creare un autentico spazio negoziale e la sua partecipazione empatica al chiarimento della posizione dell’una o dell’altra parte, senza abbandonare la propria neutralità; consiste nel comprendere e nel tradurre affermazioni confuse o poco chiare, cosa che aumenta la possibilità di scambio tra le parti ed amplia i 4 contenuti dell’accordo, oltre che allentando gli atteggiamenti difensivi; consente di essere maggiormente fiduciosi e attivi nel portare avanti la negoziazione. Le aree che formano oggetto della negoziazione sono diverse, ma sostanzialmente riferite all’area genitoriale, ad alcuni aspetti del rapporto di coppia e all’area patrimoniale.

consulenza coppie in crisi Brindisi - Esperti Mediatori

Il mediatore per coppie.

La mediazione, come indica il termine “mediare” è quel processo che un professionista, in qualità di terzo neutrale pone in essere per permettere alle parti in conflitto tra loro di riprendere un dialogo e di riappropriarsi della propria capacità decisionale, eliminando o riducendo gli effetti non voluti del conflitto stesso. Si tratta di un processo mirato a far evolvere dinamicamente una situazione di conflitto, aprendo canali di comunicazione che si erano bloccati (Castelli 2003).
Il percorso di mediazione si presta particolarmente ad aiutare la coppia che è chiamata a dover decidere dei futuri assetti personali, patrimoniali, ma anche dell’organizzazione e della gestione della vita dei figli, proprio quando emozioni, tensioni, ansie possono creare difficoltà relazionali o comunque difficoltà di comunicazione se non aperto conflitto. E’ stato opportunamente scelto il criterio della facoltà di accesso alla mediazione come via da seguire, solo se le parti liberamente decidano di tentarla e, quindi, non è stata indicata come obbligatoria (Martello 2006): “La mediazione è una via per affrontare e risolvere seriamente i problemi. Il risultato del lavoro di negoziazione su queste aree si traduce poi negli specifici contenuti dell’accordo di separazione. L’accordo conterrà in concreto ad esempio come vivere la bigenitorialità e quali modalità adottare per l’affido condiviso dei figli, il che significa come i genitori stabiliscono di condividere la gestione dell’educazione e della vita dei figli. Così il diritto dei figli ad avere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori sarà regolamentato caso per caso, stabilendo una adeguata modulazione dei ritmi di frequentazione con ciascun genitore, proprio in base alla maturità dei genitori e alle esigenze dei figli.

mediazione familiare Brindisi - Il Mediatore

Il Mediatore per aiutare la coppia in fase di separazione o divorzio

La mediazione rende possibile la sfida di trasformare il dolore del conflitto in opportunità per migliorare la qualità della propria e altrui esistenza, avviando una vita di relazione con 2 l’altro in cui l’io e il tu attuano un felice scambio sulla diversità. Il mediatore cerca di “movimentare” le menti, perché qualcosa nei comportamenti ripetitivi dei contendenti, si sblocchi verso un comportamento collaborativo". La mediazione familiare (Fernandez del Moral Dominghez L. 2006) si caratterizza per essere un percorso volontario e un percorso autonomo (rispetto all’iter giudiziario anche se l’accordo dovrà passare all’omologa del tribunale) inoltre il mediatore è in posizione di terzietà e di rigorosa imparzialità e segretezza rispetto alle parti.
Obiettivi del processo di mediazione sono:
• Curare tutti gli aspetti della separazione / divorzio, sia quello psicologico che quello legale, ponendo una particolare attenzione al conflitto e alle emozioni;
• Individuare gli stili d’interazione;
• Individuare la collusione di coppia;
• Far giungere la coppia alla consapevolezza dei propri modelli disfunzionali;
• Modificare gli stili disfunzionali;
• Ristrutturare la comunicazione;
• Addestrare la coppia all’empatia;
• Giungere alla cooperazione convinta;
• Addestrare la coppia alla complicità ed alla progettualità;
• Definire un accordo.
Fasi del processo di mediazione
1. Una fase di pre-contatto: NON CI AMIAMO PIU’ (Cosa ci sta accadendo?);7
2. Una fase di avvio contatto: SEPARARSI INSIEME (Perché ci siamo scelti?);
3. Una fase di contatto pieno: NON PIU’ COPPIA MA GENITORI (C’eravamo tanto amati); 4. Una fase di post contatto: UNA NUOVA PROGETTUALITA’ (La relazione è cambiata).
Al termine delle fasi c’è una verifica sul mantenimento dei risultati raggiunti denominata
follow - up. Il modello Pluralistico Integrato, per realizzare l’obiettivo di massimizzare l’efficacia dell’intervento di mediazione, tiene conto sia dei fattori comuni transteorici, sia dell’integrazione di tutti gli orientamenti che si ritengono utili da applicare nel caso concreto.

Counseling Brindisi - Esperti meditazione

Esperto tecniche Counseling

Il processo di Counseling che io propongo alle coppie , viene strutturato secondo l'approccio pluralistico INTEGRATO, in cui entrambi i partner vanno ad esplorare le proprie emozioni in corrispondenza dei vissuti emotivi esplicitati dal partner , per comprendere meglio l'altro in modo empatico e agire in direzione del cambiamento.Questo avviene in tutte le sedute del percorso di coppia, nel pieno rispetto di ciascun partner e delle sue esperienze.Anche quando la Consulenza avviene con un unico partner , il lavoro viene svolto con strumenti adeguati come il test di Sterberg, lo strategogramma, il genogramma, il lavoro con la metafora, e prevalentemente con tecniche gestaltiche, per favorire un contatto con le emozioni ed elaborarle.

Galleria foto; consulenza matrimoniale Brindisi
consulenza matrimoniale Brindisi consulente coppie Brindisi coppie in crisi Brindisi consulenza coppie in crisi Brindisi mediazione familiare Brindisi Counseling Brindisi Counseling coppie Brindisi

TAG VETRINA;

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7